Il concorso ‘Pictor Imaginarius’ è arrivato quest’anno alla decima edizione; come ogni anno, da tutto il mondo, artisti affermati, mosaicisti professionisti del settore,  insieme a giovani emergenti, arrivano in massa all’appuntamento di fine maggio, vivacizzando e colorando i vicoli del pittoresco borgo medievale di Nazzano. I partecipanti sono divisi in due categorie, professionisti ed emergenti , e rappresentati con una selezione di ottanta opere provenienti da oltre dodici paesi distribuiti nei vari continenti, che ci mostrano come, nelle differenti esperienze culturali e geografiche, la forza e la vitalità del mosaico sono sempre pronte a nuove e divertenti sperimentazioni con la voglia e l’intento di trasmettere emozioni, sensazioni.

Come ogni anno la mostra delle opere in concorso è stata ospitata nelle sale del Museo del Fiume.

Anche quest’anno è stato costruito, con gli artisti che hanno partecipato al concorso, un grande mosaico collettivo. Anche questo fa parte del grande progetto a lungo termine di trasformare nel tempo Nazzano nel borgo del mosaico contemporaneo.

L’idea di esportare questa esperienza è nata lo scorso anno discutendo con gli artisti che hanno partecipato al concorso. Lo scopo di questo progetto è quello di portare in giro per il mondo una selezione di alcuni artisti che hanno partecipato ai vari concorsi ‘Pictor Imaginarius’ con un’opera ispirata alla musica e creare una mostra ‘on progress’ che si arricchirà di nuove opere durante il percorso. Inoltre nel corso delle varie tappe, il gruppo di artisti incontrerà nella città ospitante una delegazione di artisti locali con i quali, a tempo di musica, realizzerà in pochi giorni un grande mosaico che andrà ad abbellire una strada del paese ospitante.